Ultimo giorno di scuola

si si, proprio così... ragazzi è passato un anno e domani vi saluto.
Accidenti, vi guardo un po' da lontano già... e vedo che siete cresciuti, e non è solo colpa del tempo che passa e che vi fa allungare le ossa, mentre a me fra poco le farà rammollire!
Anche quest'anno ho visto le vostre fatiche, le vostre conquiste, ho asciugato un po' di lacrime e sono stata rallegrata dai campanelli assordanti delle vostre risate.
Voi invece avete ballato un po' al ritmo sordo del mio tamburo di maestra brontolona, con santa pazienza avete obbedito alle mie incomprensibili richieste, avete anche tentato audaci ribellioni ma... ragazzi, che ci volete fare... per diventare uomini a qualcuno bisogna sempre obbedire, e di obbedienza in obbedienza si scopre poi che più grande è il maestro più l'obbedienza assomiglia alla libertà... ma questo è un discorso da grandi, uno di quelli da... 'maestra che barba... quando lavoriamo?'
avete ragione, adesso si deve anche andare in vacanza ed è giusto che siate impazienti!
volete sapere se vi ho promossi tutti? Ma scherzate?! E come farei ad andare avanti se mancasse anche solo uno di voi?

Lo so già che qualcuno l'anno prossimo sarà lontano, mi sento già il cuore che fa creeeek creeek! Ma è diverso! Lo capirete... mica devo farvi capire tutto io!

La questione è se mai un'altra... voi l'avete promossa la vostra maestra?
Brrr sto tremando in attesa di una risposta che, lo so bene, potrà arrivare solo fra molto, molto tempo... il tempo di diventare uomini e donne, ed io sono proprio impaziente che avvenga: non solo buone vacanze perciò ma buona avventura!!

ciao ciao

0 Responses