100!!!

bè non sarà un gran traguardo ... ma è pur sempre un traguardo! Post numero cento... tema: i 100 post!

A cosa serve un blog?
non lo so ancora però io ho trovato degli amici... e che amici!
ho scoperto cose su di me che non sapevo esistessero... non dico belle o brutte, chi se ne importa, ma un pezzo del 'tu' che c'è in me e che non sapevo esistesse.

ho scoperto che se dico delle cose a volte si capisce quello che ho nel cuore e nella mente, sorpresa!
ma soprattutto che molte di queste cose sono nel cuore e nella mente di altri. Non che siano pensieri sublimi ma credevo dovesse restare sempre tutto chiuso in un cassetto, come roba un po' inutile e dimenticata... invece nelle mie cianfrusaglie qualcuno ha trovato qualcosa per sè... ma che regalo potersi dire a qualcuno che ti ascolta!
Mica serve una folla per essere in compagnia, mica serve un evento epocale per essere contenti, mica servono tante parole per non sentirsi soli.

Già perchè in fin dei conti quello che ci commuove non è tanto che qualcuno ci risolve i guai, quello che commuove è capire che non sei proprio un ombrello rotto dimenticato sul treno, ti guardi intorno e vedi che su quel treno non sei solo... fai il viaggio insieme ad altri, e davvero è più facile credere che il viaggio è verso un destino buono... per tutti.

ciao ciao

6 Responses
  1. LISA51 Says:

    Condivido in pieno cio' che dici;infatti anch'io da quando ho aperto il mio blog,mi sento piu' in compagnia e,come tu affermi ,ci si sente soddisfatti per quello che gli amici trovati,apprezzano di tuo.Ciao,Lisa.


  2. mcastel Says:

    Io con il mio blog ho un rapporto un pò strano.. a volte ci perdiamo di vista per giorni (per non dire settimane), magari cerco di restare focalizzato su progetti specifici di blog a tema astronomico o computeristico (ne ho aperti anche troppi!!), forse perchè.. tutto sommato, a fare i "tecnici" ci si espone di meno ;)

    Però ogni tanto ci torno, e con piacere. E ogni tanto ho delle sorprese belle, come un post che si chiama "innamoramento e amore nel tempo", che noto che continua ad essere letto...

    Per non dire che leggendo quello che mi "consigliavo" tempo fa, spesso riesco a ritrovare un pò di più la via, la chiarezza del percorso... sembra strano no ...??


  3. Storitella Says:

    @Lisa51 grazie, è giusto quello che dici, mi viene da aggiungere, anche se non è il tuo o il mio caso, che quella degli amici di blog non può essere però l'unica compagnia che abbiamo. Dico così perchè conosco purtroppo persone che non hanno altro luogo se non questo per avere un po' di compagnia


  4. Storitella Says:

    @marco non c'è come mettere nero su bianco una cosa per mettersi un po' alle strette... non puoi dire... ma io non l'avevo detto!

    oppure scopri di aver detto cose che sembrano venute fuori da un' altra testa, qualcosa che dici tu e riconosci come tuo, però non sai da dove l'hai tirato fuori... e magari ti piace anche, e non te ne frega che piaccia agli altri... ma questo succede anche quando scrivi su una pagina di quaderno o su un file nel tuo pc... però prima o poi ti occorre che lo legga qualcuno... vero Marco?
    perchè forse occorre sempre un tu per poter riconoscere l'io...
    o dico fesserie?


  5. mcastel Says:

    @Storitella nemmeno per scherzo. Dici assai bene.

    Occorre che legga qualcuno, occorre un tu. Per questo uno scrive anche di fatti "suoi" in un blog (e una volta che raccontavo del blog al lavoro mi guardavano come un marziano!! Ma questi astronomi a volte sono un pò troppo presi nel loro mestiere?), fa leggere romanzi e poesie...

    L'io è esaltato da un tu - o un Tu - che lo guarda!


  6. Storitella Says:

    dal Tu grande che passa da un tu piccolino... roba dell'Altro mondo... in questo mondo