nuovo tutto

Nuovo, novità, cose nuove... intatte.
Sono termini che ci piacciono molto... e subito dopo ci viene in mente la brevità, l'istantaneo sciuparsi. Come un bel fiore reciso... a me per esempio un bel mazzo di fiori piace immensamente ma anche mi mette malinconia... non dura quanto vorrei, già dopo qualche ora ci vedi i segni della morte, bè sì non è che c'è una parola più soft... appassiscono e muoiono... devi dire che stanno poco bene?

Una cosa bella, bellissima, nuova ha dentro il segno della brevità... ma perchè? Io mi ribello, e giuro che faccio bene!
Ibernazione sarà la soluzione? Desolante!!!

Conosco la storia di un ragazzo che si chiamava Edimar, un bambino quasi. Assassino a 15 anni, forse meno.
Andava a scuola, ogni tanto, aveva una prof, una donna di frontiera, la vita spericolata delle canzoni a certa gente fa solo ridere, un amore grande per i suoi ragazzi, per Edimar, anche per lui... soprattutto per lui.
Il cuore ad un certo punto è toccato: "prof ma io vorrei tornare ad avere lo sguardo pulito come gli occhi di quei bambini!Possono i miei occhi diventare azzurri?" e lo diceva con il fiato corto.
"Edimar, è possibile... diventeranno come il cielo, tu avrai uno sguardo nuovo e sarà per sempre"
Basta pistole, basta violenza, basta morte.... Edimar vuole gli occhi nuovi, e li vuole per sempre.

Tornano però gli antichi amici e lo mettono davanti ad una terribile scelta: "O uccidi tu... o sarai ucciso"

Edimar sceglie, tanto la sete di essere nuovi ha preso radici profonde, è il seme che abbiamo tutti, ma in lui è germogliato ben in fretta... una sequoia nel cuore di un bambino.

La fine si può immaginare... ma è davvero una fine?
Sono nate compagnie di persone cambiate da quel seme, opere di uomini che si prendono cura di altri uomini... tutte col nome di quel ragazzo nuovo.

C'è stato solo Uno nella storia che ha detto "Ecco, io faccio nuove tutte le cose" e l'ha detto quando sembrava fosse la cosa più ridicola del mondo.

Io voglio gli stessi occhi di Edimar, voglio tutte le cose nuove, voglio i fiori intatti e profumati... voglio! Non è una pretesa, pretesa sarebbe pensare di riuscire da soli mentre da sola posso al massimo fare un surgelato! Voglio come si vuole la verità, la giustizia, l'amore... è una cosa da uomini, volere così.

0 Responses